I
nostri risultati

Le iniziative e i risultati raggiunti in ambito di sostenibilità dal Gruppo nel corso del 2018 (periodo di rendicontazione dal 1° gennaio al 31 dicembre).

LA RESPONSABILITÀ ECONOMICA

Panariagroup è orgogliosamente interprete del «Made in Italy» e chiave del suo successo economico sono i prodotti sviluppati in Italia. Fondamentale per il Gruppo è anche sostenere la prosperità dei territori in cui opera tramite il mantenimento dei livelli occupazionali, la promozione dei rapporti con le comunità locali e la creazione di valore condiviso.

Anche nelle società estere, Panariagroup ha mantenuto negli anni una forte identità territoriale, contribuendo allo sviluppo economico e sociale delle aree in cui opera (ad esempio, nel distretto di Aveiro in Portogallo e a Lawrenceburg in Kentucky).

Legato alla dimensione locale ma anche attento alle dinamiche nazionali e internazionali, il Gruppo – anche grazie alla quotazione in Borsa – è, inoltre, sempre consapevole della responsabilità economica nei confronti degli azionisti, attuali e potenziali, e delle istituzioni finanziarie.

Il Gruppo è costantemente impegnato al raggiungimento di obiettivi di sviluppo volti a garantire l’incremento del valore dell’azienda, attraverso un adeguato reinvestimento degli utili realizzati e, compatibilmente con i risultati economici, un’altrettanto adeguata politica dei dividendi, quale remunerazione diretta degli azionisti. Al fine di mantenere un costante flusso di informazioni con gli stakeholder della comunità finanziaria nazionale e internazionale relativamente alla gestione della società, è stata istituita una struttura di Investor Relation responsabile della gestione dei rapporti con questi importanti portatori di interesse.

 

LA RESPONSABILITÀ DI PRODOTTO

L’innovazione tecnologica rappresenta la chiave di Panariagroup per raggiungere nuovi traguardi nella produzione ceramica e nel rispetto per l’ambiente. La gamma di prodotti del Gruppo coniuga l’antica arte ceramica con i più evoluti standard realizzativi in fatto di pavimenti e rivestimenti e offre soluzioni specifiche per ogni tipo di applicazione, dalle grandi superfici commerciali ai pavimenti e ai rivestimenti per il residenziale.

Panariagroup nei suoi stabilimenti produce piastrelle di ceramica in grès porcellanato o monoporosa da rivestimento. In particolare, la denominazione grès porcellanato indica un prodotto ceramico, pressato a secco, estremamente compatto, contraddistinto da caratteristiche tecniche di eccellenza (elevata resistenza meccanica, all’usura, agli agenti chimici e alle macchie) e porosità molto ridotta. Questa caratteristica indica che in fase di cottura (eseguita a temperature elevate superiori a 1200 °C) il prodotto raggiunge una completa greificazione, ottenendo le proprietà di minimo assorbimento d’acqua e di conseguenza di resistenza al gelo e quindi idoneità alla posa in esterno.

Panariagroup, inoltre, è azienda leader nella produzione di grès porcellanato laminato, un prodotto rivoluzionario ottenuto attraverso un sistema produttivo estremamente innovativo, frutto di una tecnologia all’avanguardia e altamente performante. Il grès porcellanato laminato di Panariagroup permette di ottenere materiali caratterizzati da spessori ridotti (fino a un minimo di 3 mm), e viene prodotto in lastre intere di 100×300 cm e 120×260 cm senza l’impiego di stampi. Una linea di taglio completamente automatizzata consente di ottenere i diversi formati commercializzati.

La straordinaria attenzione alla qualità di tutte le fasi del ciclo produttivo è un altro degli elementi che contraddistingue il prodotto Panariagroup: dalla scelta delle materie prime agli impianti industriali di ultima generazione, dalle certificazioni fino al servizio post-vendita. Il tutto va di pari passo con le scelte di sostenibilità, che rappresentano un continuo stimolo all’innovazione e al miglioramento dei processi.

focus on: le superfici ceramiche Panariagroup selezionate per il primo Padiglione della Santa Sede alla Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

 

focus on: la dichiarazione EPD. Un ulteriore strumento per cogliere le sfide e le opportunità della sostenibilità

LA RESPONSABILITÀ AMBIENTALE

Da sempre all’avanguardia nel coniugare in modo sapiente bellezza, qualità e sostenibilità, Panariagroup quotidianamente si impegna per ridurre al massimo l’impatto ambientale degli stabilimenti, dimostrando l’eccellenza nella salvaguardia dell’ecosistema e nella ricerca dei migliori comfort abitativi. Un impegno fondamentale e imprescindibile, soprattutto per chi, come Panariagroup, realizza prodotti che incontrano la vita quotidiana di milioni di persone nel mondo, nelle case e negli ambienti pubblici.

Per il Gruppo, gli aspetti legati all’impatto ambientale e alla sicurezza e igiene sul luogo di lavoro sono di fondamentale importanza, per questo la politica adottata nella gestione delle attività del Gruppo si basa su principi saldi e precisi:

  • salvaguardare l’integrità dell’ambiente che circonda gli stabilimenti produttivi, l’ambiente interno a essi e l’ambiente nel suo complesso;
  • assicurare il costante rispetto delle disposizioni legislative vigenti relative all’Ambiente e alla Sicurezza, attraverso controlli continui e rigorosi;
  • gestire, preservare e, ove possibile, diminuire l’utilizzo di risorse naturali, tramite attività di ricerca e sviluppo finalizzate all’utilizzo del materiale riciclato e a politiche di efficienza energetica;
  • perseguire gli obiettivi di miglioramento continuo in termini di prestazioni ambientali, per ridurre al minimo la produzione di sostanze inquinanti e il consumo di risorse;
  • mantenere una costante informazione e collaborazione con la popolazione e con gli enti pubblici in merito alla politica adottata per la tutela ambientale e alle azioni effettuate per il continuo rispetto dell’ambiente, anche tramite la pubblicazione della Dichiarazione Ambientale EMAS e, dal 2016, del Bilancio di Sostenibilità.

Questi principi sono di importanza cruciale poiché guidano l’operato di Panariagroup sia a livello strategico e decisionale sia a livello di gestione operativa dei singoli stabilimenti, con il fine ultimo di un costante miglioramento delle performance ambientali su tutti i livelli di gestione.

 

 

focus on: le iniziative di maggior rilievo del 2018

LE MATERIE PRIME

Panariagroup dimostra da sempre un elevato rispetto nei confronti dell’ambiente, impegnandosi nell’acquisto, laddove possibile e compatibilmente con il materiale propedeutico all’attività del proprio business, di materie prime rinnovabili.

Nella business unit italiana, per quanto riguarda gli imballaggi ceramici, il 100% del legno utilizzato e circa 900 tonnellate di carta sono provenienti da fonte rinnovabile, mentre la plastica acquistata contiene invece una percentuale pari al 35% di materiale riciclato. Sono stati considerati come materiali non rinnovabili sia la classe smalti sia la classe relativa alle materie prime per l’impasto, in cui sono presenti materiali comunque naturali come le argille, i feldspati e le sabbie.

Relativamente al perimetro estero, la business unit americana utilizza circa 3.400 tonnellate di imballaggi provenienti da fonti rinnovabili, una quantità che rappresenta il 96% degli imballaggi totali. Si segnala infine che Gres Panaria Portugal non utilizza, al momento, materiali provenienti da fonte di natura rinnovabile.

ENERGIA ED EMISSIONI

Gli stabilimenti di Panariagroup utilizzano prevalentemente energia elettrica, gas metano e gasolio. Nel 2018 il Gruppo ha consumato complessivamente 3.132.254 GJ di energia, in aumento rispetto all’anno precedente, di cui 1.921 GJ proveniente da fonti rinnovabili e 3.130.333 GJ da fonti non rinnovabili.

In generale, si è registrato un aumento dell’utilizzo di energia elettrica e carburante per autotrazione; al contrario, il Gruppo ha diminuito leggermente i propri consumi di gas naturale e GPL. Le performance ambientali del Gruppo si sono mantenute pressoché simili a quelle dell’anno precedente con leggere diminuzioni nei consumi di gas naturale e GPL, evidenziando la forte attenzione del Gruppo nel monitoraggio e nella minimizzazione degli impatti ambientali, in particolare legati al consumo energetico e alle emissioni.

 

GESTIONE DEI RIFIUTI

I rifiuti prodotti dagli stabilimenti di Panariagroup sono conferiti, per operazioni di recupero o in minima parte per allocazione in discarica, a smaltitori esterni autorizzati secondo le leggi vigenti in materia.

La gestione degli stessi, nelle fasi di deposito temporaneo all’interno dello stabilimento, avviene in apposite aree di stoccaggio in conformità alle procedure interne e alle norme vigenti.

Il Gruppo Panariagroup, nel 2018, ha registrato 69.031 tonnellate di rifiuti prodotti di cui 192 tonnellate sono rifiuti pericolosi (lo 0,28% sul totale).

 

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE

Uno dei valori fondanti di Panariagroup è quello di mettere sempre la persona e la qualità della vita al centro dell’attenzione, operando nel massimo rispetto di chi lavora con il Gruppo. Sono proprio le persone, il loro benessere, la loro crescita e il loro sviluppo professionale a essere il fulcro del successo di Panariagroup. Nella gestione dei suoi dipendenti, Panariagroup promuove una cultura aziendale che sia in grado di attrarre i migliori talenti, migliorare le abilità delle persone e la loro capacità di lavorare in gruppo, riconoscere e premiare le loro performance, con l’obiettivo finale di contribuire alla loro soddisfazione professionale e personale. Nel garantire l’applicazione di questi principi, il Gruppo impiega quasi esclusivamente personale a tempo indeterminato, una tipologia di contratto che garantisce ai lavoratori migliore stabilità e maggiori opportunità di crescita professionale. Allo stesso modo, il Gruppo prende in considerazione le eventuali richieste di lavoro part-time dei dipendenti, ove possibile offrendo opportunità lavorative che si adattino alle esigenze personali e professionali degli stessi.

In un complesso contesto economico, Panariagroup ha deciso fino a oggi di mantenere stabile il livello occupazionale e solido il rapporto con le comunità locali in cui opera, evitando il ricorso all’outsourcing dei processi produttivi. La stabilità nei rapporti con i dipendenti è infatti un elemento fondamentale per sostenere responsabilmente la crescita economica del Gruppo. Al 31 dicembre 2018, il Gruppo ha impiegato 1.741 dipendenti, con un saldo positivo di 12 nuove risorse rispetto all’anno precedente.

 

focus on: la sostenibilità nel progetto di comunicazione interna per la business unit italiana

 

focus on: le attività di charity di Florida Tile

Download

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di analisi” per elaborare statistiche e “cookies di terze parti”. Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa (clicca qui).
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.

Focus on: le superfici ceramiche Panariagroup selezionate per il primo Padiglione della Santa Sede alla Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Panariagroup è stata scelta come costruttore di una delle architetture del primo Padiglione della Santa Sede realizzato in occasione della XVI Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, che si è tenuta dal 26 maggio al 25 novembre 2018. Panariagroup ha contribuito alla costruzione della cappella firmata dall’architetto Francesco Cellini, mettendo a disposizione del progetto l’avanguardia tecnologica e la qualità estetica delle grandi lastre sottili in grès porcellanato laminato, esempio di eccellenza industriale italiana.

La collaborazione con la Santa Sede per questa sedicesima edizione della rassegna ha rappresentato senza dubbio un’occasione unica per mettere in risalto le proprietà di questi materiali che hanno contribuito a conferire al progetto un tono solenne e di grande leggerezza, perfettamente in linea con la spiritualità del luogo e della cappella, proseguendo così il dialogo quotidiano con l’architettura in un contesto di così alta eccellenza.

Il Padiglione, intitolato “Vatican Chapels” e curato dal professor Francesco Dal Co e da Micol Forti, ha preso ispirazione dal modello della Cappella nel Bosco, costruita nel 1920 dal celebre architetto Gunnar Asplund nel Cimitero di Stoccolma, e si è articolato in undici cappelle frutto delle interpretazioni di altrettanti architetti di fama internazionale, riunite nel giardino della Fondazione Cini sull’isola di San Giorgio Maggiore. Gli architetti sono stati lasciati liberi di esplorare il concetto architettonico di cappella, definita dall’architetto svedese come un luogo di orientamento, incontro, meditazione, proponendo la propria personale lettura e visione di questo edificio.

L’opera dell’architetto Cellini e di Panariagroup ha posto al centro della costruzione la progettualità del materiale e la sua interazione con l’ambiente circostante, attraverso un’architettura razionale che lasciasse ampio spazio alla riflessione del luogo e del suo significato.

La struttura è stata contraddistinta da un volume a forma di parallelepipedo rettangolare e da un transetto centrale che interseca perpendicolarmente il soffitto, ospitando i due simboli principali della cappella: l’altare e il leggio. Il progetto presenta anche un forte contrasto cromatico dato dall’utilizzo di lastre in grès porcellanato laminato ultrasottili con una texture ispirata al ferro, e lastre bianco lucido scelte per ottenere un effetto di riflesso dell’ambiente naturale all’interno di esso.

Linee pulite ed essenziali che sono state esaltate dalle superfici ceramiche sottili che hanno permesso di conservare la leggerezza e razionalità dell’architettura. Un materiale di straordinaria innovazione, di cui Panariagroup vanta il primato di prima azienda ceramica ad averne curato l’introduzione sul mercato e una leadership che si è consolidata nel tempo. Superfici rivoluzionarie che, grazie al loro spessore ridotto e alla loro resistenza, garantiscono più flessibilità, facendo della versatilità e della facilità di impiego i punti di forza per rispondere a ogni esigenza dell’architettura e dell’interior design ed accogliere così la sfida del progetto della Santa Sede.

Le lastre ceramiche scelte dall’architetto Cellini per il progetto appartengono ai principali Brand italiani del Gruppo - Cotto d’Este, Lea Ceramiche e Panaria Ceramica - e sono state impiegate per rivestire gli interni e gli esterni dell’architettura in una combinazione che coniuga il fascino di un progetto architettonico originale alla evidenza delle performance tecniche ed estetiche dei materiali.

Il progetto è stato realizzato con il contributo e il supporto del team Panariagroup per i grandi progetti, con un’assistenza sia alla fase di impostazione sia a quella di realizzazione in cantiere. Vatican Chapels ha riscontrato un grandissimo successo sia in termini di visite (oltre 140.000 durante il periodo della manifestazione) sia di risonanza sulla stampa e sui media internazionali.

focus on: la dichiarazione EPD. Un ulteriore strumento per cogliere le sfide e le opportunità della sostenibilità

Panariagroup raggiunge l’importante traguardo della Dichiarazione EPD (Dichiarazione Ambientale di Prodotto) per i processi produttivi dei 3 stabilimenti italiani - Fiorano Modenese, Finale Emilia, Toano – e conferma così la propria vocazione in tema di sostenibilità ambientale, una delle peculiarità distintive del Gruppo.

Comunicazione certificata e verificata da un ente indipendente, l’EPD esprime in modo trasparente e oggettivo le prestazioni ambientali dei prodotti lungo il loro ciclo di vita, in accordo con lo Standard internazionale ISO 14025.

Per il Gruppo si tratta di un importante traguardo che consente di arricchire il ricco carnet di certificazioni di cui si è dotato per rendere i propri Brand sempre più competitivi nel mercato globale e attestare l’eccellenza dei propri prodotti e servizi.

L’EPD rappresenta, infatti, l’ultimo tassello di un lungo percorso che nel tempo ha visto crescere gli investimenti per posizionare in modo sempre più autorevole l’offerta del Gruppo.

Attraverso l’alta competenza del team di ricerca interna, il controllo totale delle fasi di lavorazione del prodotto e del processo produttivo, Panariagroup può qualificare ancora di più il profilo delle proprie superfici, in particolare quello Green, nei confronti di architetti e progettisti alla ricerca delle migliori soluzioni che rispondono ai più rigorosi standard ambientali, per l’ottenimento di crediti per sistemi di rating internazionali.

La Dichiarazione EPD si inserisce con determinazione all’interno di un chiaro percorso di sostenibilità intrapreso da Panariagroup, unica azienda nel settore ceramico a stilare il Bilancio di Sostenibilità secondo i più aggiornati standard internazionali (GRI) e a sottoporlo a certificazione da parte di una società di revisione specializzata.

focus on: le iniziative di maggior rilievo del 2018

L’impegno di Panariagroup per la salvaguardia dell’ambiente e la conservazione delle risorse naturali si esprime particolarmente nella gestione dei sistemi produttivi, orientata alla prevenzione e minimizzazione dell’impatto ambientale. Al fine di migliorare le proprie performance in materia ambientale, Panariagroup ha realizzato diverse iniziative e progetti che hanno registrato importanti risultati. Di seguito si riportano alcune delle principali attività realizzate negli stabilimenti del Gruppo relative al processo di packaging per la business unit italiana e all’efficientamento produttivo ed energetico per la business unit portoghese.

PACKAGING
BU ITALIA

Dal 2017 è stata posta una forte attenzione alla riduzione degli impatti ambientali nel sistema di imballaggio in termini di cura nell’acquisto di materiale riciclato ed efficientamento delle risorse nel processo di packaging, grazie all’introduzione di macchine di inscatolamento automatico in linea di scelta all’interno del processo produttivo. In particolare, quest’anno è stato acquistato:

Panariagroup si impegna per il recupero dei materiali di scarto che vengono nuovamente rigenerati e riutilizzati dal mercato. Inoltre, negli ultimi anni l’azienda si è dotata di nuove macchine di inscatolamento automatico che permettono di ottimizzare l’utilizzo di cartone durante il processo di confezionamento, grazie all’uso di un formato di carta e cartone più sottile e alla riduzione dello scarto in quanto il macchinario realizza la forma di packaging avvolgendo il prodotto, quindi, regolandone la misura di conseguenza. Questa tecnologia consente una riduzione fino al 50% di cartone utilizzato rispetto ai sistemi tradizionali utilizzati in precedenza.

EFFICIENTAMENTO PRODUTTIVO E AMBIENTALE
BU PORTOGALLO

Il nuovo forno installato presso lo stabilimento di Aveiro in Portogallo ha permesso di ottenere significativi miglioramenti in termini di produzione e di efficienza ambientale, nonché di innovazione del prodotto, soprattutto a livello di grandi formati. È stato infatti possibile ottenere le condizioni ideali per la produzione del formato 80x80 cm, e per soddisfare gli ordini dei Clienti relativi ad altri formati di grandi dimensioni.

La capacità produttiva di questo nuovo forno può superare il 70% della capacità produttiva di un forno tradizionale per formati come 35x100 cm. In termini energetici, il guadagno di efficienza per quanto riguarda i consumi di energia elettrica e gas metano del nuovo forno è di circa il 35%, se paragonato a un forno tradizionale a parità di volumi di produzione.

Come per i forni precedenti presenti nello stabilimento, anche il calore in uscita dal nuovo forno viene recuperato per alimentare altri impianti produttivi, contribuendo ad aumentare i livelli di efficientamento energetico del sito.

focus on: la sostenibilità nel progetto di comunicazione interna per la business unit italiana

L’impegno di Panariagroup per un modo di operare responsabile e sostenibile è un tema di grande rilevanza per l’azienda.

Per questo il Gruppo ha deciso di avviare un importante programma di comunicazione delle proprie iniziative in ambito di sostenibilità anche verso i dipendenti. Nella business unit italiana è stato varato un piano di comunicazione interna dedicata alla sostenibilità, di cui fa parte un ciclo di newsletter: appuntamenti di aggiornamento e informazione che hanno l’obiettivo di tenere un canale sempre aperto e ricco di novità.

La diffusione sarà prevista sia online (email) sia cartacea, per coprire in modo capillare tutti i potenziali fruitori.

Sono stati inoltre realizzati totem informativi, collocati in tutte le sedi e stabilimenti italiani, per comunicare i principi fondamentali dell’impegno dell’azienda sui temi di sostenibilità.

Su alcune iniziative specifiche sono state inoltre attivate campagne di comunicazione dedicate. Ad esempio, è stata promossa la campagna per la vaccinazione antinfluenzale, oltre al progetto Green Office, un’operazione di sensibilizzazione su un comportamento a minore impatto ambientale. È stata redatta una scheda con alcuni suggerimenti, che è stata poi veicolata attraverso materiali di uso quotidiano (volantini, quaderni, calendari da tavolo).

In occasione delle festività natalizie, infine, è stato fatto omaggio a tutti i dipendenti di una bottiglietta in vetro personalizzata per incentivare il consumo di acqua dai distributori o dai rubinetti, evitando lo spreco derivante dall’uso delle bottigliette o dei bicchieri in plastica. Tutte le comunicazioni sono state messe a disposizione dei dipendenti anche sul portale http://hr.panariagroup. it/HRPORTAL a cui ognuno può accedere tramite il proprio profilo personale.

Infine è stato organizzato un ciclo di incontri con le associazioni dei lavoratori per illustrare le strategie e le attività aziendali in ambito di sostenibilità, per un confronto più diretto e approfondito su questi temi.

focus on: le attività di charity di Florida Tile

Florida Tile ha sviluppato negli anni una grande sensibilità nelle attività di charity e di supporto verso la comunità.

I dipendenti possono aderire periodicamente a diverse iniziative prestando il loro impegno a diverse cause. In questo senso, sono stati sviluppati progetti per assistenza agli animali, ai reduci militari, ai bambini, agli ammalati e altro ancora. Ogni trimestre viene selezionato un progetto e proposto ai dipendenti.

È stato così per esempio per Paws 4 the Cause, una associazione che si dedica ad aiutare e assistere gli animali in difficoltà e possibilmente trovare loro una nuova casa. I dipendenti hanno potuto donare per questa causa e nello specifico aiutare e supportare l’associazione fornendo cibo, accessori per la pulizia e altro.

Paws 4 the Cause ha organizzato un momento particolare presso la sede di Florida Tile portando alcuni dei cani in cerca di adozione per farli incontrare con i dipendenti durante le pause.

Si è trattato di un momento piacevole e coinvolgente per tutti i dipendenti che hanno potuto familiarizzare con l’iniziativa e dare il proprio contributo.

Il venerdì, inoltre, per Florida Tile è “Jeans Friday”: viene data l’opzione di indossare i jeans per quanti decidono di fare una donazione a un’associazione di beneficenza. Il fronte charity per Florida Tile si unisce ad altri importanti progetti di coinvolgimento dei dipendenti, come ad esempio programmi di formazione e mentoring, un programma di rewarding periodico per i dipendenti più meritevoli e un sistema strutturato di ascolto e feedback.